CHIUDI

Promosso dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Pisa

Sta per iniziare a Lucca l’anno accademico del corso di laurea d’ingegneria rivolto al settore cartario e cartotecnico promosso dal Dipartimento di Ingegneria Civile ed Industriale dell’Università di Pisa.

Unica in Italia, la laurea magistrale in “Tecnologia e produzione della carta e del cartone” si propone al servizio del distretto economico più importante della provincia di Lucca, ma con aspirazioni internazionali e collaborazioni con diverse Università in tutta Europa.

E’ intenzione dell’Università creare, per le prossime edizioni, infatti, un corso di laurea congiunto con alcuni Atenei europei.

Tenuto completamente in lingua inglese, il corso presenta un piano di studi che amplia e sviluppa la positiva esperienza del precedente Master Universitario.

 

Sempre a Lucca si è tenuto, infatti, per diciassette anni consecutivi, il master di primo livello rivolto all’ambito cartario e cartotecnico. Punto di forza del corso era la compresenza di docenti universitari con docenti provenienti direttamente dal mondo aziendale. Una formula vincente che è stata ripresa dal corso di laurea che vede come insegnanti molti dirigenti delle imprese del settore.

A causa della pandemia in corso, le lezioni si tengono on line. Non appena sarà possibile ritornare in presenza, le aule saranno quelle della sede della Fondazione Lucchese per l’Alta Formazione e la Ricerca in via S.Micheletto, 3, ma sarà mantenuta una forma integrata di didattica in modo che anche i lavoratori possano seguire il percorso. La stessa Fondazione ha seguito ed approvato gli sviluppi e l’esito del progetto della laurea.

Il piano di studi prevede, per il primo anno, lo studio delle seguenti materie: Chimica e tecnologia della carta, Disegno assistito al calcolatore, Progettazione meccanica e costruzione di macchine, Impianti per la produzione della carta e del cartone, Automazione ed azionamenti, Informatica per l’industria. Al secondo anno, gli studenti si incentreranno invece su: Impianti per la trasformazione della carta e del cartone, Sistemi energetici ed efficienza energetica, Gestione della manutenzione industriale, Sostenibilità ed economia circolare. Sono previsti, inoltre, due esami a scelta ed il tirocinio aziendale che precede il sostenimento della tesi.

Possono iscriversi al corso (fino al 31 dicembre di ogni anno) i laureati di primo livello in ingegneria industriale che potranno avere l’opportunità di effettuare tirocini in Italia e all’estero in aziende del comparto di grande prestigio.

Molte le aziende del territorio, locali ma anche multinazionali, che collaborano alla laurea: Sofidel, Lucart, DsSmith, Toscotec, Fosber, Oradoc, Cartografica Galeotti, Mondialcarta, ACelli, Pcmc, Lucense, Ecoverde, EcolStudio, Cartiere Modesto Cardella. Ma anche le associazioni nazionali di categoria come Assocarta e Aticelca, insieme a Confindustria Toscana Nord, hanno lavorato alla definizione del piano di studi.

“Con questo corso di laurea si crea una figura professionale altamente specializzata – dice Marco Frosolini, professore dell’Università di Pisa e presidente del corso - dotata di una formazione interdisciplinare sui processi, sugli impianti e sui prodotti caratteristici dell’industria cartaria. Grande attenzione sarà rivolta allo studio e alla ricerca sui processi, sui materiali e sulle tecnologie abilitanti per i nuovi modelli di industria 4.0 e di economia circolare, cui anche l’industria cartaria sta indirizzando la propria attenzione. È importante ricordare, infine, che il corso nasce con vocazione decisamente internazionale: corsi in lingua inglese, contatti con Università e istituzioni europee, nell’ottica di arrivare, in un futuro non troppo lontano, ad un corso congiunto con importanti atenei europei”.

Il corso si pone come elemento conclusivo di un lungo percorso formativo già ben consolidato sul territorio, che vede percorsi professionali specializzati nelle scuole superiori, lo svolgimento di corsi ITS dedicati alla carta e al cartone, per arrivare alle lauree triennali di ingegneria industriale e di chimica con moduli caratterizzanti appositamente creati per questo importante settore economico.

Fra gli obiettivi di più largo respiro della laurea c’è senza dubbio l’istituzione di un polo di ricerca specializzato e dedicato a disposizione del distretto cartario.

“Questo consentirà alle imprese – continua il prof. Frosolini – senza alcun costo addizionale, di studiare tematiche innovative come l’industria 4.0 e le tecnologie per la digitalizzazione, i nanomateriali, i biopolimeri o gli inchiostri conduttivi. Tutto questo per attuare concretamente il trasferimento tecnologico di cui necessita il comparto”.

Al vaglio anche la possibilità di avviare pubblicazioni tecniche regolari su riviste internazionali o coordinare i risultati delle ricerche da tutto il mondo, attraverso la partecipazione di accademici nazionali ed internazionali e degli esperti del mondo della carta.

A corollario del percorso di studi, la laurea si propone anche di organizzare seminari ed eventi specifici aperti a tutti gli stakeholder, così come winter e/o summer schools in cui affrontare tematiche attuali o approfondire ricerche e studi.

Per le informazioni di dettaglio è possibile collegarsi al sito dell’Università di Pisa dedicato alla laurea: https://dici.unipi.it/didattica/technology-and-production-of-paper-and-cardboard/ oppure telefonare alla segreteria didattica di Lucca a Celsius (tel. 0583/469729 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

 

areasoci

 

Igiene, accettate compromessi?

 
MIAC Innovation social award
Print power
CEPI 2050
Associazione italiana Musei della Stampa e della Carta
Two sides - il lato verde della carta
Fondazione per lo sviluppo sostenibile