CHIUDI

Eventi e news

#e78408
4
July

Leggi l'articolo:

22
June

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2017-06-21/cartiere-allarme-rincari-record-la-cellulosa--201743.shtml?uuid=AER7JejB

19
June

Il prossimo 26 giugno 2017 (ore 14,30), presso l’hotel Melià di Via Masaccio 19 a Milano, si terrà l’ASSEMBLEA PUBBLICA della FEDERAZIONE DELLA FILIERA DELLA CARTA E DELLA GRAFICA che rappresenta i comparti industriali di Assografici (grafica e cartotecnica/trasformazione), Assocarta (carta) e Acimga (macchine per la grafica e cartotecnica). Aprirà i lavori il Presidente della Federazione Pietro Lironi con una relazione sugli obiettivi della nuova sfida federativa e sull’andamento 2016/2017 dei singoli comparti rappresentati dalla Filiera, che ricopre non solo un ruolo chiave nello sviluppo della cultura e del sistema Paese ma anche una posizione di rilievo nell’ambito dell’economia circolare.

Al risvolto formativo e culturale della carta e della sua Filiera sarà dedicato l’intervento di Vittorio V. Alberti-Professore di Filosofia presso la Pontificia Università di Roma dal titolo “La carta nella cultura e il suo ruolo per lo sviluppo umano integrale”.

Andrea Alemanno - Group Director di Ipsos Public Affairs illustrerà i risultati dell’indagine messa a punto da Ipsos “Il consumatore post crisi e gli orientamenti sociali al riciclo e all’economia circolare”.

Concluderà l’Assemblea il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.

Leggi il programma:

Per maggior info ed adesioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

15
June

Scarica il Dicorso del Presidente di Assocarta Girolamo Marchi:

Scarica la presentazione in PP del Presidente Marchi:

Scarica la "Roadmap 2050" in lingua italiana:

Leggi gli articoli pubblicati su carta:

Leggi gli articoli pubblicati sul web:

http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/radiocor/economia/dettaglio/nRC_14062017_1518_427761672.html

http://www.affaritaliani.it/lavoro/notiziario/assocarta_comparti_imballaggio_e_igienicosanitario_spingono_cartario-24437.html

http://www.adnkronos.com/lavoro/sindacato/2017/06/14/assocarta-comparti-imballaggio-igienico-sanitario-spingono-cartario_Tj75sVpp5WA9V9BlFin6OM.html

http://www.padovanews.it/2017/06/14/assocarta-comparti-imballaggio-e-igienico-sanitario-spingono-cartario/

http://www.metaprintart.info/i-mercati-e-la-vita-in-azienda/19838-lindustria-della-carta-tiene-grazie-allexport/

http://www.cataniaoggi.it/assocarta-comparti-imballaggio-e-igienico-sanitario-spingono-cartario/

http://247.libero.it/rfocus/32016067/0/assocarta-comparti-imballaggio-e-igienico-sanitario-spingono-cartario/

http://www.canaleenergia.com/archivio-articoli/6185-meno-co2-dall-industria-cartaria-europea-presentata-oggi-la-roadmap-al-2050.html

http://www.greenreport.it/news/economia-ecologica/ruolo-dellindustria-cartaria-italiana-nelleconomia-circolare/

http://www.e-gazette.it/sezione/imballaggi/settore-carta-presenta-roadmap-2050-insegna-economia-circolare#.WUkdzYNG4_Y.email

http://www.staffettaonline.com/articolo.aspx?id=274235

30
May

30 maggio 2017 - Il settore cartario è stato presente oggi al seminario di Confindustria “Il nuovo regolamento e la circolare esplicativa sui sottoprodotti: un’opportunità per l’industria” con un caso aziendale relativo ai residui di carta siliconata che contengono buone fibre per l’industria cartaria messo a punto da Innovhub ed Henkel (Carta siliconata: sottoprodotto del processo industriale di etichettatura dei flaconi di detersivo liquido).

Proprio grazie all’istituto del sottoprodotto1, tali residui vengono impiegati in Italia, anziché andare all’estero, nell’ottica di una vera economia circolare che valorizza i residui come materie prime” commenta Massimo Medugno Direttore di Assocarta e aggiunge “ il quadro normativo deve rendere possibile quanto è funzionale all’economia circolare e alla simbiosi industriale, piuttosto che rendere impossibile quanto è possibile. Ciò vale per i sottoprodotti, ma ancora di più per i rifiuti. Benvenuta quindi ogni circolare esplicativa che ci riporti alla ratio originaria del sottoprodotto che non è un fratello minore del rifiuto”.

In questo senso il richiamo alla Comunicazione interpretativa in materia di rifiuti e di sottoprodotti (datata 21 febbraio 2007 COM 2007/59), benché antecedente alla Direttiva del 2008, è ancora attuale.

Sarebbe peraltro auspicabile che associazioni ed enti potessero, per i rispettivi ambiti di competenza, linee guida settoriali che potrebbero anch’esse offrire un’opportuna guida per i rispettivi settori.

Assocarta ha adottato una propria linea guida settoriale già da alcuni anni.

Senza sottoprodotto non c’è economia circolare che tenga!” conclude Medugno.

  1. La nozione di “sottoprodotto” viene  introdotta dalla Corte europea di Giustizia che, in ripetute sentenze, ne dà un quadro definitorio ad iniziare proprio dalle modalità produttive. All’evoluzionedella giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea segue un altro passo fondamentale, ovvero la Comunicazione interpretativa in materia di rifiuti e di sottoprodotti (datata 21 febbraio 2007 COM 2007/59) che, benché antecedente alla Direttiva del 2008, è ancora attuale ed offre ancora materiali, spunti di confronto e di riflessione. Con la Direttiva 2008/98/CE sui rifiuti trova ingresso nella normativa comunitaria la nozione di “sottoprodotto”. L’art. 5 della predetta Direttiva stabilisce le condizioni affinché determinate sostanze suscettibili di un utilizzo economico possano essere reintrodotte nel ciclo economico senza la necessità diessere sottoposte alle operazioni di trattamento previste per i rifiuti. L’art. 5 elenca le condizioni alle quali una sostanza o un oggetto può essere considerato un sottoprodotto. Tali condizioni sono da intendersi esaustive e cumulative. L’art. 5, comma 1, costituisce una norma immediatamente operativa inteso nel senso che, una volta recepita nell’ordinamento nazionale, mette a disposizione una vera e propria definizione della nozione di sottoprodotto. Il fatto che “il legislatore comunitario” abbia optato per includere nella nuova direttiva la nozione di Sottoprodotto è funzionale all’esigenza di fornire certezza giuridica in punto di sottoprodotti.

Per maggior info sul caso aziendale Innovhub – Henkel:  This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

30
May

29 maggio 2017 - Al Business Game “Latuaideadimpresa” 2017  ideato da Strategica Community  con coordinamento dei Sistemi Informativi di Confindustria e patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è stato riconosciuto un Premio Speciale sull’Innovazione agli alunni dell’Itis Marchi – Forti di Pescia - opzione “tecnologie cartarie”.

Il Premio è stato consegnato ieri dal Direttore Generale di Assocarta  Massimo Medugno, Giovanni Postorino di Federchimica , Girolamo Dagostino di Assocomaplast, Marco Rosati di UCIMU a Roma presso l’Università LUISS. Un Premio ottenuto per aver realizzato un progetto sulle scatole alimentari che hanno la caratteristica di essere ecosostenibili perché prodotte con carta riciclata e completamente biodegradabili. Progetto innovativo poiché le scatole possono essere riconosciute da persone non vedenti e ipovedenti attraverso una scritta in braille e una sagoma che permetta di identificarne il contenuto. Con questo prodotto si rende più autonomo chi presenta difficoltà nel compiere semplici azioni quotidiane come riconoscere il tipo di pasta all'interno delle scatole.

Un’innovazione che utilizza un bio imballaggio sostenibile come la carta che è diretto a coinvolgere tutti i consumatori anche quelli non vedenti con un alto valore di sociale.

L’Itis Marchi – Forti di Pescia ha attivato l’opzione “tecnologie cartarie” dal 2012. Il triennio di specializzazione è partito nell’a.s. 2015/2016. Assocarta ha collaborato nella stesura dei programmi e nella formazione dei docenti. Assocarta quest’anno è stato fra i partner del progetto Latuaideadimpresa.

areasoci

Print power
CEPI 2050
Premio OMI 2016
Associazione italiana Musei della Stampa e della Carta
Two sides - il lato verde della carta
Fondazione per lo sviluppo sostenibile